Sullo scaffale

Sullo scaffale

È il volume più recente di Flavio Felice che, nonostante la sua età (è nato nel 1969), ha al suo attivo un già lungo elenco di titoli. Professore di Dottrine Politiche ed Economiche alla Pontificia Università Lateranense, vice preside dell’Istituto Pastorale della stessa PUL nonché presidente del Centro Studi Tocqueville-Acton, Flavio Felice merita di essere considerato, insieme a Francesco Forte, come il più attento conoscitore, nel panorama economico italiano, di quella particolare scuola che viene ricordata come “ordoliberalismo” o “liberalismo delle regole”. L’“ordoliberalismo” risale alla metà degli anni Trenta quando, all’interno dell’università di Friburgo in Brisgovia, un gruppo di docenti diede avvio alla riflessione su come porre le spinte economiche all’interno di un chiaro quadro giuridico. Intorno ai giuristi Franz Böhm (1895-1977) e Hans Grossmann-Dörth (1894-1944) ed all’economista Walter Eucken (1891-1950) si produsse un’interessante serie di contributi destinata a trascendere la profonda e tragica crisi continentale. In questo modo si sviluppò, in anni in cui il nazionalsocialismo consolidava il suo potere in Germania, la cosiddetta Scuola di Friburgo che subito, ed inevitabilmente, divenne anche uno dei più qualificati cenacoli in cui si ritrovarono insigni personalità ostili al regime.

Presente nella rivista N: 
3/2013 - Anno XXV - Luglio/Settembre

Copyright ©2001-2011 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail