Consegnato il Premio Nazionale per Tesi di Dottorato sul tema dei Diritti Umani

san_pi0_v_30_08-11-2010_cautuori__carletti.jpg

Si è svolta il giorno 8 novembre 2010 la cerimonia di assegnazione del Premio Nazionale per la migliore Tesi di Dottorato sul tema dei Diritti Umani. Il premio, giunto alla sua seconda edizione, è stato bandito dall’Istituto di Studi Politici “San Pio V” allo scopo di promuovere ed incoraggiare gli studi nelle discipline economiche, giuridiche e sociali tra i giovani studiosi che avessero conseguito il titolo di Dottore di ricerca tra l’Anno Accademico 2007/2008 e la data di presentazione della domanda.
Tra tutti i lavori presentati e presi in esame dalla autorevole Commissione, a vincere è stato quello della Dott.ssa Emanuela Anna Canetta Rossi Palermo, che si è aggiudicata il riconoscimento massimo con la tesi “La Direttiva Rimpatri: test case della procedura di codecisione in materia di immigrazione”.
La cerimonia è stata aperta dall’introduzione del Prof. Antonio Iodice, Presidente dell’Istituto “San Pio V”, a cui è seguita la prolusione della Prof.ssa Maria Rita Saulle, Giudice della Corte Costituzionale e Presidente della Commissione giudicante formata dal Prof. Giuseppe Acocella, dal Prof. Nicola Occhiocupo, dal Prof. Sebastiano Maffettone, dal Prof. Ortensio Zecchino e dal Prof. Paolo De Nardis.
Il premio è stato consegnato all’autrice dall’On. Dott. Gianni Letta, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha usato parole lusinghiere per il pregevole lavoro della Dott.ssa Emanuela Anna Canetta Rossi Palermo e la determinazione con cui già da tempo porta avanti il suo impegno nel settore dello studio dei diritti umani e delle dinamiche legate all’integrazione e ai flussi migratori.
Nell’ambito della Cerimonia di premiazione, sono stati conferiti dall’On. Gianni Letta due Riconoscimenti speciali, legati all’impegno e al ruolo svolto in favore di popoli e categorie di individui in gravi difficoltà sociali e economiche. Il primo al Gen. C. A. Claudio Graziano per l’attività svolta come Comandante delle Forze Militari e Capo della Missione UNIFIL in Libano nel periodo gennaio 2007 – gennaio 2010; il secondo al Dott. Vincenzo Spadafora per l’attività svolta da UNICEF Italia a tutela dei diritti e delle condizioni di vita dell’infanzia e dell’adolescenza.

Related posts