L’Europa dei talenti: cala il patrimonio di risorse umane in Italia

International Web Post (Massimo Favia)

Lo scorso 15 marzo è stato presentato presso l’Auditorium di Via Rieti (Roma) il rapporto

Europa dei talenti, promosso dall’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” e realizzato dal Centro Studi e Ricerche IDOS. Nella ricerca viene analizzato il fenomeno, sempre più rilevante, delle migrazioni qualificate, di cui vengono prese in esame le potenzialità e gli aspetti critici. In un’Europa priva di immigrazione la forza lavoro potrebbe diminuire di 17,5 milioni nel prossimo decennio, specialmente in Italia. Già oggi si riscontrano 3,8 milioni di posti vacanti per via delle carenze in settori chiave come le scienze, la tecnologia, l’ingegneria e la sanità, mentre gli attuali 12 milioni disoccupati per oltre la metà hanno un basso livello di competenze. Nel 2020, per esempio, si riscontrerà la mancanza di 756mila figure altamente qualificate nelle telecomunicazioni e di circa 1 milione nel settore sanitario tra dottori, infermieri, dentisti, ostetriche e farmacisti. […]

Related posts