Home

In evidenza

Chiesa e società in America Latina (1979-2007)
Papa Francesco è il primo vescovo del Nuovo mondo, che ha portato sul trono di Pietro la cultura, la sensibilità e l’esperienza pastorale di un cattolicesimo sino a pochi decenni fa considerato ancora periferico. Il seminario illustra i risultati di un progetto di ricerca, promosso dall’Istituto e coordinato da un gruppo di studiosi internazionali.
La collana Agonalis raccoglie gli esiti delle ricerche che l’Istituto di studi politici “S. Pio V” promuove per la comprensione dei più rilevanti nodi sociali, economici, giuridico-istituzionali della società contemporanea. L’Istituto di Studi Politici “S.

Ricerca

Il lavoro si presenta come uno sguardo complessivo sul riordinamento degli apparati amministrativi, funzionali a colmare lo iato tra progetti e realizzazione. Gli autori dei saggi passano in rassegna le più importanti proposte di riforma dell'amministrazione italiana, dall'Unità d'Italia a oggi.

Pubblicazioni

Con Credenti, non credenti: storia di un confronto politico non si è inteso ripercorrere puntualmente un percorso storico ma, più semplicemente, grazie all’impegno di valenti ricercatori ai quali va il ringraziamento dell’Istituto di Studi Politici S. Pio V, ricostruire alcuni passaggi ritenuti fondamentali nel dialogo talvolta fattosi scontro, tra credenti e non credenti nel nostro Paese.

Bandi

In data 10 giugno u.s., alle h.10.00, presso la sede di Piazza Navona, la Commissione giudicatrice delle due borse di ricerca bandite dall’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” per gli Osservatori sul Mediterraneo e sulla Città Globale si è riunita per una prima valutazione dei titoli presentati dai candidati. L'esito è pubblicato nella sezione Notizie dell'home page del sito dell'Istituto.

Articoli

Le strutture dello Stato devono godere di legittimità e consenso, e avere la capacità di mediare i conflitti fra i diversi gruppi interni. In mancanza di questi requisiti, non c’è un singolo popolo sovrano, non c’è legittimità per le maggioranze...

Rivista di Studi Politici

Il terzo numero della Rivista di Studi Politici dedica il suo Focus al governo locale, mediante una prospettiva multidisciplinare e scientificamente pregevole: Stefano Sepe ed Ersilia Crobe delineano i profili storici del rapporto centro-periferia, nel contesto italiano, evidenziando i “vizi originali” di un percorso contraddittorio e incompleto, per il quale le responsabilità vanno allargate ad altri enti – si pensi alle Regioni – da sempre inopportunamente sottodimensionate. Governo locale significa anche, purtroppo, ingerenza del malaffare e inserimento degli interessi della criminalità organizzata: Antonio La Spina fornisce un quadro esaustivo dello strumento del voto di scambio, con il quale le organizzazioni criminali italiane hanno costruito solidi e duraturi rapporti con la classe politica locale. Va ribadita, però, una premessa importante: le mafie italiane mostrano una pericolosa duttilità nell’insinuarsi nei gangli delle amministrazioni, a volte esplicitando la propria volontà, in altri casi “scavando” nell’oscurità. Per questo motivo è importante indagare l’intervento della criminalità nella vita politica del Paese utilizzando anche un approccio grass-roots, come fa Diego Forestieri, analizzando il percorso di scioglimento dei comuni con infiltrazioni malavitose e puntando l’attenzione sulle rappresentazioni, presso la cittadinanza, del fenomeno mafioso. Ne scaturisce un quadro sicuramente preoccupante, nel quale il sentimento di disaffezione e sfiducia verso la politica alimenta un vuoto che le mafie sono leste a riempire, evidentemente non solo nell’ambito meridionale.

Notizie

Il Mediterraneo e la Palestina nella politica estera di Aldo Moro
Aldo Moro è stato tra i primi statisti dell’Occidente a rendersi conto del peso decisivo della stabilizzazione del Medio Oriente per la pace mondiale. Questo saggio, opera di Gennaro Salzano, pubblicato da Guida editori, sarà presentato il 13 gennaio p.v.

Copyright ©2001-2011 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail